Bioclima - Fonti di energia rinnovabili
  Risparmio energetico
  Impianti ad energia geotermica
  Sfruttamento Energia Solare
    » Solare termico
    » Solare fotovoltaico
  Impianto a Pavimento
  Caldaie a condensazione
     
  Installazione impianti
     
  Assistenza e manutenzione
  Manutenzione contratti di assistenza
  Centro di assistenza convenzionato
     
  Progettazione a consulenza
  progettazione e consulenza
  Link utili
     
  Chi siamo
  Dove siamo
  Contatti
     







Risparmio energetico

E’ di fondamentale importanza imparare ad usare le fonti di energia esistenti in modo corretto ed economico. Le possibilità di risparmio energetico sono molteplici e tutti noi possiamo fare qualcosa:




in fase costruttiva…

•  Isolare maggiormente la nostra abitazione (minori sono le dispersioni di calore attraverso i vetri, le pareti e il tetto, maggiore è il risparmio di energia per il riscaldamento)

•  Recuperare il calore (impianti di aerazione ed estrazione con recupero del calore dall'aria viziata, impianti di recupero del calore dalle acque di scarico delle piscine coperte, ecc...)

•  Ammodernare, se necessario, il nostro impianto (le caldaie più vecchie di 20-30 anni andrebbero cambiate, si dovrebbe ricorrere a sistemi di termoregolazione più moderni, la temperatura dell'acqua calda dovrebbe essere limitata a 40°-45°C.)

•  Isolare bene le tubazioni nelle quali scorre l'acqua calda.

•  Quando si installa una nuova caldaia o un nuovo impianto di riscaldamento autonomo rivolgersi ad un bravo progettista: il consumo finale dell'impianto dipende da una scelta equilibrata e corretta di tutti i componenti e di tutte le apparecchiature (caldaia, tipo di corpi scaldanti, temperatura di distribuzione dell'acqua, isolamento delle tubazioni, scelta dei sistemi di regolazione e controllo, posizionamento dei corpi scaldanti, tipo di pompe di circolazione, suddivisione in zone con programmazione indipendente, isolamento dell'edificio).
Qui piccolo è bello: una caldaia grande (con elevata potenza), se non necessaria, fa consumare molto più combustibile.


… o tutti i giorni …

•  Sostituire le comuni lampade ad incandescenza con le lampade a basso consumo negli ambienti dove occorre illuminare per lungo tempo (le lampade a basso consumo hanno un'efficienza luminosa da 4 a 10 volte quella delle lampade ad incandescenza ed una vita media di 10.000 ore rispetto alle 1.000 ore delle incandescenti).

•  Far funzionare meglio la lavatrice (scegliere correttamente il programma, preferire i programmi di lavaggio a temperature non elevate (40-60 °C), utilizzare la lavatrice solo a pieno carico, controllare la quantità di detersivo in base alla durezza dell'acqua senza mai esagerare, non superare mai le dosi di detersivo consigliate dalle case produttrici, pulire spesso il filtro)

•  Far funzionare meglio la lavastoviglie (Disporre correttamente le stoviglie nella macchina, dopo aver tolto i residui delle pietanze per non intasare il filtro, utilizzare il ciclo intensivo solo quando è necessario, adottare il programma "economico" per le stoviglie poco sporche, far funzionare la lavastoviglie solo a pieno carico, usare il lavaggio rapido quando ci sono poche stoviglie da lavare e si vuole ultimare il carico in un secondo tempo, evitando che si formino cattivi odori e incrostazioni difficili, utilizzare detersivi specifici nelle dosi consigliate, eliminare l'asciugatura con l'aria calda, pulire spesso il filtro, usare con regolarità il sale per prevenire la formazione di incrostazioni calcaree)

•  Usare meglio il frigorifero (lasciare uno spazio di almeno 10 cm tra la parete e il retro dell'apparecchio per una buona ventilazione, evitare di aprire e chiudere lo sportello troppo frequentemente e di lasciarlo aperto a lungo, posizionare gli alimenti secondo le loro esigenze di conservazione, evitare di riempire eccessivamente il frigorifero, non introdurre cibi caldi perché contribuiscono alla formazione di ghiaccio sulle pareti, controllare che le guarnizioni di gomma delle porte siano sempre in buono stato, sbrinare l'apparecchio quando lo strato di ghiaccio supera i 5 mm di spessore)

•  Usare con criterio il riscaldamento (Fare eseguire il controllo e la manutenzione dell'impianto da parte di un bravo tecnico di una ditta di manutenzione, utilizzare cronotermostati per regolare orari di accensione e temperature nei locali riscaldati, non chiudere mai i radiatori in mobiletti ed evitare utilizzare copritermosifoni, se possibile installare le valvole termostatiche dell'ambiente in ogni locale riscaldato, utilizzare sistemi che non consentano la formazione di calcare nelle tubazioni e nelle apparecchiature.

•  Distribuire l' acqua calda sanitaria ad una temperatura non maggiore di circa 45 °C

•  Imparare a misurare l'energia che si consuma : per esempio, leggere periodicamente il contatore del gas o della luce e capire quanto si consuma in estate e quanto in inverno; i dati sul consumo del gas combustibile andrebbero anche annotati, ogni anno, sul libretto di impianto

Altro aspetto fondamentale è il ricorso alle fonti di energia
rinnovabile. Una fonte di energia si definisce rinnovabile quando il suo sfruttamento avviene in un tempo confrontabile con quello necessario per la sua rigenerazione. A differenza dei combustibili fossili e nucleari, destinati ad esaurirsi in un tempo finito, le fonti rinnovabili possono essere considerate virtualmente inesauribili.

Un importante caratteristica delle fonti rinnovabili è che, per quanto riguarda il rilascio di inquinanti nell’aria e nell’acqua, presentano un impatto ambientale trascurabile.


Gli impianti che sfruttano le energie rinnovabili sono:


   



ERREDI impianti S.r.l. - Via Emilia Ovest 26 - 42048 Rubiera - Reggio Emilia
Tel 0522.620027 - Fax 0522.627156 - info@errediimpianti.it